Chirurgia Ambulatoriale per interventi e procedure terapeutiche
506
single,single-post,postid-506,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

CHIRURGIA AMBULATORIALE

post-image-chirurgia-ambulatoriale

02 Mag CHIRURGIA AMBULATORIALE

La chirurgia ambulatoriale è pensata per garantire dal punto di vista clinico e organizzativo interventi chirurgici e procedure diagnostico-terapeutiche senza necessità di ricovero. Tali procedure vengono infatti eseguite direttamente in ambulatorio consentendo  all’utente una maggiore libertà.

ISTEROSCOPIA DIAGNOSTICA/OPERATIVA

L’isteroscopia diagnostica permette lo studio diretto del canale cervicale e della cavità uterina per mezzo di una telecamera collegata ad uno strumento rigido (isteroscopio) che viene introdotto attraverso l’orifizio uterino esterno. Può essere eseguita senza anestesia, con  lieve sedazione o con anestesia locale. Permette l’identificazione di formazioni patologiche a carico del canale cervicale e della cavità uterina. L’utilizzo di strumenti di piccoli dimensioni permette di associare al momento diagnostico anche la procedura operativa , per cui piccole formazioni patologiche possono essere asportate durante la procedura secondo una tecnica chiamata “see and treat”.

SCRATH ENDOMETRIALE o PIPELLE:
Lo scrath endometriale consiste nell’effettuare un piccolo “graffio”(scratch) o “lesione” sull’endometrio, la mucosa che riveste la parete interna dell’utero.
Lo scopo è quello di aumentare la probabilità di impianto degli embrioni trasferiti e per tanto  è indicato in casi specifici come fallimenti ripetuti di impianto, alterata ricettività endometriale. Questa metodica può essere utilizzata anche li dove ci sia la necessità di effettuare biopsie endometriali per patologie note ( iperplasia, endometrite, esame colturale endometriale…)
Lo scratch endometriale può essere eseguito mediante  una isteroscopia o più semplicemente mediante l’utilizzo di un cateterino  sottile di plastica che prende il nome di Pipelle de Cornier.

Lo scratch endometriale va effettuato nella seconda fase del ciclo mestruale precedente il ciclo di stimolazione per fecondazione in vitro o per scongelamento embrionario .
La procedura è rapida, sicura e minimamente dolorosa. Può essere richiesto l’intervento dell’anestesista sempre presente.