MANGIARE MALE RITARDA LA GRAVIDANZA - Futura Diagnostica Medica PMA
1254
single,single-post,postid-1254,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive
chips-dinner-fast-food-70497

14 Mag MANGIARE MALE RITARDA LA GRAVIDANZA

4 maggio – Le donne che mangiano troppo spesso cibi da fast food (come hamburger, pollo fritto, patatine fritte ma anche  pizza) e che consumano poca frutta presentano un rischio di infertilità superiore alla media. Lo dimostrano i risultati di uno studio condotto su circa 6 mila donne. Chi mangia troppo fast food o mangia troppo poca frutta ha meno possibilità di rimanere incinta entro un anno.

Ancora uno studio sui rapporti tra dieta e salute riproduttiva della donna, questa volta pubblicato su Human Reproduction. Il take home message è che le donne che mangiano prevalentemente cibo da fast food e poca frutta fanno più fatica a concepire e hanno un maggior rischio di infertilità.

close-up-coat-eating-139681Lo studio, condotto in Australia, Nuova Zelanda e Gran Bretagna, ha raccolto (a fare l’intervista sono state delle ostetriche in occasione della prima visita antenatale a 14-16 settimane di gestazione) informazioni sulle abitudini dietetiche di 5.598 donne, reclutate nello studio multicentrico Screening for Pregnancy Endpoints (SCOPE) dal 2004 al 2011 e che non avevano ancora avuto figli.  Rispetto alle donne che riferivano di aver mangiato frutta tre o più volte al giorno nel mese precedente al concepimento, quelle che di frutta ne avevano consumata ben poca (meno di 1-3 volte al mese) avevano impiegato in media un mese in più prima di rimanere incinte. Analogamente, Le donne che hanno dichiarato di mangiare fast food 4 o più volte a settimana, rispetto alle donne che non ne mangiano praticamente mai, rimangono incinte in media un mese più tardi.

Di tutte le coppie esaminate in questo studio, 468 (pari all’8% del totale) sono state classificate come ‘infertili’ (ovvero che impiegano oltre un anno a concepire), mentre 2204 (39%) hanno concepito entro un mese dall’intervista. Controllando le abitudini dietetiche di queste donne, i ricercatori australiani hanno scoperto che nelle donne che dichiaravano i più bassi consumi di frutta il rischio di infertilità saliva dall’8 al 12%, mentre quelle che dichiaravano di mangiare fast food 4 o più volte a settimana, il rischio saliva al 16%.

bowl-cherries-chicken-936611

La maggior parte delle donne arruolate nello studio, non avevano una storia di infertilità. Dopo aver preso in considerazione anche una serie di altri fattori, quali elevato indice di massa corporea, età materna, abitudine tabagica, consumo di alcol, che aumentano il rischio di infertilità, la dieta preconcepimento risultava comunque avere un impatto sul tasso di infertilità. “Essendo la dieta un fattore di rischio modificabile – commenta Jessica Grieger, dell’ Università di Adelaide– questi risultati sottolineano l’importanza di considerare l’idea di seguire una dieta sana se la donna sta pianificando una gravidanza”.

 

Carolina Becattini
Responsabile medico e scientifico

Ricordiamo che ogni considerazione clinica, parere, o proposta terapeutica potrà assumere valore di prescrizione medica solo se formulata a seguito di una consultazione e/o visita medica da effettuarsi in ambito sanitario. Pertanto dal mero invio di una richiesta inviata per mail non dovrete trarre la convinzione nè l’affidamento che il tema da Voi posto sia stato preso in carico dal professionista. Nel caso abbiate necessità di un consulto o di un contatto in tempi certi Vi invitiamo a contattare la nostra struttura, ed i nostri professionisti, attraverso i recapiti telefonici istituzionali.